Rimborso delle commissioni di transazione per i piccoli importi pagati tamite POS

L’accettazione e l’utilizzo di metodi di pagamento elettronici come carte bancarie, wallet su dispositivi mobili o smartwatch, è aumentato in modo significativo anche grazie alla loro comodità d’uso. Tuttavia, i pagamenti senza contanti non sempre incontrano il favore degli esercenti, in quanto generano commissioni di transazione, note anche come "merchant fee", per il punto vendita (point of sale/POS).

 Si tratta di una questione che riguarda soprattutto le piccole imprese ed i piccoli importi. Raiffeisen lancia un forte segnale ai suoi clienti offrendo rimborsi a partire dal 2024. 

Già nel luglio 2023 era stato firmato un accordo tra l'Associazione bancaria nazionale ABI, l'associazione dei prestatori di servizi di pagamento e le associazioni imprenditoriali italiane. L'obiettivo di tale accordo è quello di ridurre le commissioni per i pagamenti di piccoli importi (fino a 10 euro) tramite POS. Questa offerta vuole portare un vantaggio soprattutto alle piccole imprese, con un fatturato inferiore ai 400.000 euro. 

Le Casse Raiffeisen altoatesine ora fanno un ulteriore passo avanti: ogni tre mesi, infatti, a partire dal 1° gennaio 2024, rimborseranno, a tutti i clienti e le clienti aziendali che dispongono di un terminale POS Raiffeisen, le commissioni di transazione per i pagamenti elettronici fino a 10 euro. Senza limitazioni di fatturato aziendale. La promozione è valida per un periodo di 12 mesi. Simon Ladurner, vicedirettore di Raiffeisen Landesbank Südtirol, spiega: "Con questa offerta Raiffeisen lancia un forte segnale a favore dei pagamenti elettronici". 

Le aziende traggono molteplici vantaggi dai pagamenti elettronici: essi consentono infatti una comoda elaborazione dei pagamenti senza dover maneggiare contanti, riducono al minimo il rischio di contraffazione del denaro e il costo dei depositi. Per maggiori informazioni in merito, rivolgetevi alla vostra Cassa Raiffeisen. 

Tutti i temi nella panoramica