il 20 maggio: la giornata mondiale delle api

 

Il 20 maggio si celebra la Giornata mondiale delle api. Nata il 18 ottobre 2017 per volontà dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, il World Bee Day punta a sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza delle api e di altri impollinatori.

Allo stesso tempo, questa giornata è anche un’opportunità per esperti, politici, economisti e pubblico per definire attività specifiche che garantiscano la sopravvivenza delle api.

La api sono insetti intelligenti e laboriosi. Non a caso l’ape risparmiatrice Sumsi rappresenta la perseveranza, la diligenza e l’intelligenza. Sumsi è un’ape mellifera. Le api mellifere raccolgono a lungo prima di poter produrre il prezioso miele, proprio come un risparmiatore che per lungo tempo raccoglie piccole quantità di soldi prima di disporre di un bel patrimonio. 
Il miele è il risultato di un duro lavoro: a ogni volo un’ape bottinatrice visita quasi 100 fiori prima di ritornare all’alveare. Il tragitto percorso da un’ape per produrre 1 kg di miele corrisponde a tre volte il diametro della terra.
Le api sono a rischio, ma c’è qualcosa che puoi fare per aiutarle. Si tratta di semplici misure per il tuo giardino, balcone o carrello della spesa. Con questi consigli sosterrai le api mellifere e le numerose specie di api selvatiche locali!


1. Evita i diserbanti.

2. Usa insetticidi naturali ed evita i prodotti chimici per allontanare gli insetti. 
Ci sono tanti modi semplici per allontanare gli insetti in modo naturale. Provali prima di ricorrere al veleno.

3. Sostieni la diversità della flora.
Il giardino inglese è una gioia per l’orgoglioso giardiniere e per i suoi ospiti. Per le api, però, esso assomiglia a un deserto. Anche orti e aiuole di fiori ben curati, liberi da erbe spontanee, non sono ottimali per le api.
Se possibile, lascia liberi alcuni spazi in giardino perché possano formarsi delle zone di prato selvaggio. Nel predisporre il tuo orto e i tuoi vasi da balcone, presta attenzione alla diversità e scegli piante regionali con fiori dalla forma aperta. Questo è importante soprattutto per le api selvatiche.

4. Arricchisci di piante il tuo balcone.
Se non hai un giardino, puoi offrire comunque nutrimento alle api sul tuo balcone o, addirittura, sul davanzale della finestra. 
Molte piante fioriscono anche nel vaso e possono rappresentare, specialmente in zone altamente popolate, delle piccole oasi per le api. 

5. Scegli piante che fioriscono presto e tardi. 
Le api hanno bisogno di nutrimento da febbraio fino all’autunno. Se desideri aiutare le api, coltiva piante che fioriscono particolarmente presto o particolarmente tardi.
Tra le piante che fioriscono particolarmente presto ci sono il nocciolo e il corniolo. In diversi tipi di vasi sul terrazzo o sul balcone puoi coltivare anche il croco, l’erica carnea, la scilla bifolia e l’anemone invernale.
Tra le piante che iniziano a fiorire in tarda estate, rientrano la centaurea, il verbasco, la malva, il sedum, l’aconito e l’edera comune. Specialmente l’edera rappresenta un’importante fonte di nutrimento per le api. Potala, dunque, dopo la fioritura!
Delle piante che fioriscono tardi e che possono essere coltivate in vaso sul balcone o terrazzo sono, tra le altre, la malva selvatica, la viperina azzurra, il fiordaliso e il timo selvatico. 

6. Ospita gli insetti. 
Le api mellifere godono già di molta attenzione nei media. Ci sono, però, numerose specie di api selvatiche che, a causa della mancanza di nutrimento, sono altrettanto a rischio. Puoi aiutare alcune di queste specie sostenendo la diversità della flora e anche costruendo un rifugio sotto forma di hotel per gli insetti o strutture simili. Al contrario delle api mellifere, la maggior parte delle api selvatiche non vivono in strutture organizzate, bensì sono insetti solitari. Costruiscono nidi, depongono da sé le uova e si occupano autonomamente della loro covata. Questo significa che puoi aiutare anche senza far arrivare una miriade di insetti nel tuo giardino!

7. Crea degli spazi per rinfrescarsi.
Quanto più calda è l’estate, tanto più difficile risulta per le api, i bombi e altri insetti trovare delle adeguate fonti di acqua. Se hai un posto all’ombra e protetto dal vento nel tuo giardino o balcone, puoi costruire una piccola piscina per le api. Basta riempire con dell’acqua un recipiente piatto, come una ciotola di argilla, e mettere dei paletti e un po’ di mischio dove le api si possano posare. Puoi anche mettere nell’acqua delle biglie o della ghiaia, affinché le api vi possano atterrare e non anneghino.

8. Compra miele regionale.
Compra possibilmente il miele di apicoltori locali e informati su come esso sia ottenuto. Il miele potrebbe risultare più caro di quello del supermercato, tuttavia così facendo sosterrai le colonie d’api locali e anche la flora regionale.